Lettera a Laura Pausini

Posted in Blog

Lettera a Laura Pausini

“[…] Io sono contraria alle scuole di canto […]”

La cosa più divertente per me è sentire Laura Pausini dire “ma non voglio fare una polemica “,prima di dire “io ho IMPOSTO delle regole alla produzione”, e “io sono contraria alle scuole di canto”, e “nessuno può insegnare qualcuno a cantare”. Nooooo, figurati, nessuno polemizzerà, ci mancherebbe… Vedo già i classici insegnanti di canto proprio dire nei forum “eh, si, ha ragione, come darle torto, noi non serviamo a niente”. Uguale uguale 🙂

Se posso dire la mia : Laura, io non ho una scuola di canto, c’ho uno studio privato !!!! E sarei felice ed onorato, il giorno che ti renderai conto che le tue corde non reggono più tutto quel peso che fai sopportare loro (povere ciccie), di darti una mano a mantenere la tua spontaneità emiliano-romagnola che mi piace tanto mentre canti, ma senza farti più del male. Non te ne sei fatto abbastanza ? D’altronde i tuoi fans vorrebbero che tu cantassi almeno altri 30 anni le canzoni che canti ora. E vuoi sapere la verità ? Anche io… le cantanti passionali mi sono sempre piaciute una cifra.

Inoltre, non so se tu ti rendi conto che passando in televisione il messaggio “non studiate canto perché tanto non serve, se non sai cantare da solo trasmettendo emozioni non sarai mai in grado di farlo perché nessuno te lo può insegnare”, stai dicendo che noi insegnanti di tecnica e interpretazione, anche per attori, siamo inutili ? E che esponi molti ragazzi che avrebbero bisogno di essere seguiti nel loro percorso al falso mito che “basta l’emozione” ? Poi a chi dovrebbero dare la colpa, quando vanno sotto i ferri a togliersi noduli, polipi, edemi ecc ? Inoltre, onestamente, e te lo dico “ma non voglio fare polemica”, sei sicura che, senza “la solitudine” presentata a Sanremo quell’anno, tu avresti fatto quella carriera ?
Tu forse non sai – o vuoi far finta di non sapere – che una corretta tecnica vocale non serve a rendere l’artista più freddo, ma al contrario, molto più caldo. Perché quando tu hai il controllo del tuo strumento, sai che puoi lasciarti andare di più, e quindi pensare di meno. Pensa che nella pagina principale di questo sito c’è scritto il mio motto di insegnante di canto : “il modo migliore per imparare a cantare ? Non pensare”.
E, permettimi : sei sicura che con la tua tecnica vocale tu possa cantare qualsiasi genere ? No, te lo dico perché recentemente Lady Gaga è stata invitata ad omaggiare Julie Andrews eseguendo un medley di “The sound of music”. Ha studiato mesi per arrivare a fare quello che ha fatto. Pensi che lei sia un’ artista fredda ? No, è solo una professionista e perfezionista. Da un certo punto di vista, sono due modi di vedere il mondo.
E poi, scusa, proprio tu che cantavi con Pavarotti che vocalizzava ogni giorno e che all’ inizio della sua carriera studiò con un insegnante che lo fece SOLO vocalizzare per 6 mesi ? Cos’era, un artista freddo lui ? Dai…

Io capisco che tu abbia paura che un insegnante di canto “tradizionale”, pur di farti cantare bene, ti tolga la spontaneità, perché ti farebbe diventare troppo tecnica. E senza la spontaneità tu perderesti i fans, e senza i fans non venderesti più dischi (e già ora cmq il mercato è in sofferenza), e i tuoi concerti si svuoterebbero. E non riusciresti più a pagare tutta la crew di cui hai bisogno per “mandare avanti la baracca”, come si dice. Ed hai ragione, sai ? molti insegnanti farebbero proprio così. Ma io non sono un insegnante di canto “tradizionale”. Prima che ad insegnare, io ho imparato a suonare. Quindi riesco a vedere il TUO punto di vista, e le TUE esigenze di artista, prima che le mie. Quello che tu non vedi – forse – è che anche tu sei “tecnica”, e la “tua tecnica” che ti sei forse creata da sola o con qualche esercizio qui e li, ti fa sforzare e a volte massacrare quelle povere corde volta dopo volta. E la prima cosa che sparisce è la resistenza, la seconda sarà l’intonazione. Oltre a non permetterti di cantare tanti generi bellissimi, dall’opera alla musica Soul, con un suono che sia quello per cui è stato scritto quel genere. E’ un peccato limitare il proprio repertorio per un po’ di pigrizia, che dici ?

Te lo dice un chitarrista (perché io prima di tutto con orgoglio mi definisco, forse anche con un po’ di arroganza, un chitarrista) che insegna a cantanti di ogni genere e che ieri, mentra tu dicevi queste cose, ospitava il tuo foniatra in studio proprio per insegnare ai miei allievi e futuri insegnanti come prevenire questi danni, senza però far perdere la spontaneità che DEVE essere mantenuta in un artista soprattutto pop, soprattutto Pop star come te. Quindi, non avere paura : mi sa che io e te, in fondo, siamo “simili”.

Con profonda stima,

Michele Fischietti, un musicista tra i tanti.

(intervista tratta da “Che tempo che fa”, dal minuto 09:40)
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-6f747dc6-7451-48f5-9a37-a81642f8f946.html